Il Calapranzi di Pinter

Il Calapranzi di Pinter

Genere: commedia
regia di Alessandro Piazzolla
con Alessandro Piazzolla, Ermanno Antonio Rizzi

L’azione ha per protagonisti due uomini, Ben e Gus che, in un seminterrato, sono in attesa di “qualcosa”.
Ben, più autoritario, trascorre il tempo leggendo il giornale, Gus invece è passivo ma è l’unico che utilizza la
parola in modo positivo, facendo domande che, però, quali non trovano mai risposta.
Ne derivano dialoghi vuoti, illogici, irrazionali.
Si scoprirà che i due sono sicari professionisti in attesa di istruzioni da un misterioso capo, che si scopre
essere la mano divina. Non conoscono la loro vittima, sanno solo che prima o poi entrerà dalla porta del
seminterrato e dovranno ucciderla.
Ben è indeciso se eliminare la sua interiore personalità, identificata nell’opera nella persona di Gus, molto più
semplice e positiva.
Nasce così tra i due un gioco e una sfida che porta a scoprire il senso dell’uomo libero e all’essenza
dell’essere o non essere liberi.
Quale sarà la scelta? Allo spettatore la propria personale valutazione.

Torna in alto